Vacanze nelle Marche e nel Piceno
Galleria fotografica

Leggenda:
| Hotel | Agriturismo | B&B | Camping | CasaVacanze |


Comune di di MONTEPRANDONE
Cap: 63076 - Il suo č un territorio non Montano

Monteprandone č un Comune Piceno di 12083 ab. - posto ad un'altitudine di 273 m.slm in zona definita Collina litoranea.
La superficie del territorio comunale č pari a 26,38 Km.q con una densitą di 458 ab.Kmq

Visitare Ricettivitą Monteprandone


 

Monteprandone è un comune di 12.149 abitanti. Centro del subappennino marchigiano, posto nell'immediato entroterra di San Benedetto del Tronto, a soli 5 km dalmare Adriatico, sulla cresta di una breve dorsale che divide la valle del torrente Ragnola (a nord) da quella del fiume Tronto (a sud). L'unica frazione del comune, Centobuchi, si trova sulla via Salaria ed è oggetto di una grande espansione demografica legata alla vicinanza con le grandi vie di comunicazione e con l'urbanizzazione di tutto l'asse che dalla periferia di San Benedetto del Tronto porta a quella del capoluogo di provincia Ascoli Piceno, che dista 20 km circa.

 

L'occupazione della collina lungo il litorale adriatico, tra il fiume Tronto e il torrente Ragnola, si è verificata tra il IX e il X sec., a seguito delle invasioni dei Saraceni e degli Ungari. Il più antico documento sul castello di Monteprandone risale all'agosto del 1039, in cui un certo Guido Massaro e un Longino donarono all'abbazia di Farfa il castello stesso, nel comitato di Fermo, con la chiesa di S.Nicolò e le pertinenze relative. La tradizione vuole che il nome dato al castello fosse di un Prandone o Brandone, guerriero al seguito di Carlo Magno. L'8 giugno 1292 Monteprandone si costituì libero comune e si pose sotto la tutela di Ascoli. Tra XIV e XV sec. allargava i confini con l'annessione dei castelli di Montetinello, Monterone e Montecretaccio, più tardi Monticelli. Lo stemma ha per questo cinque colli. Nel 1935 si staccò da Monteprandone Porto D'Ascoli, ridimensionandone il territorio. Tra i personaggi più significativi, si ricorda Giacomo della Marca, teologo e santo, convinto sostenitore della creazione dei Monti di Pietà.